Misure di Mitigazione per le acque superficiali

Con lo scopo di proteggere la vita acquatica, sono da considerarsi rilevanti per l’applicazione di misure di mitigazione del rischio da prodotti fitosanitari tutti i corpi idrici superficiali, naturali o artificiali, permanenti o temporanei, ad eccezione di:

1) scoline, fossi e altre strutture idrauliche artificiali nei campi coltivati, per la raccolta e il convogliamento dell’acqua meteorica in eccesso, prive di acqua propria e con acqua presente solo temporaneamente;
2) adduttori d’acqua per l’irrigazione: corpi idrici le cui acque sono destinate soltanto ai campi coltivati;
3) pensili: corpi idrici in cui la quota del fondo risulta superiore di almeno 1 m rispetto alla coltura trattata.

Non rientrano tra questi corpi idrici le risaie, soggette a specifici percorsi di valutazione e protezione ambientale.




Ruscellamento


Deriva